Testi di Adriano Carnevali

 

 

Voci dalla A alla G

Voci dalla H alla P

Voci dalla Q alla Z

 

 

INIZIATIVE ABORTITE – Una caratteristica peculiare dei Ronfi è sempre stata quella di destare in chiunque li incontrasse smanie pressoché incontrollabili di sfruttamento delle loro reali o presunte possibilità di sfondare nel mondo editoriale, televisivo, cinematografico, musicale, dei giocattoli, del merchandising, della pubblicità, ecc... Il loro autore, inebetito dai miraggi di successo e guadagni prospettatigli di volta in volta da editori, produttori televisivi, fabbricanti di giocattoli e personaggi di ogni sorta (alcuni rispettabilissimi e in piena buona fede, altri meglio assimilabili al Gatto e alla Volpe di Pinocchio), venne pertanto coinvolto in ogni genere di progetto ronfesco: dai pupazzi animati (con realizzazione di un bellissimo "numero zero" da parte di Telealto Milanese, ovvero il futuro Canale 5), ai disegni animati (con realizzazione di un breve "numero zero" da parte di una ditta specializzata), dai pupazzi di peluche (con realizzazione di un "pupazzo zero" molto grazioso) ai mini-modellini simil-Puffi (con "modellino zero"), dagli articoli di cartoleria e abbigliamento (agende, quaderni, cartelle, zaini, magliette, sacche portapigiami ecc... con altrettanti "prodotti zero") ai giocattolini omaggio da inserire nelle confezioni di patatine. I Ronfi, creature libere e indomabili, riuscirono però a sottrarsi abilmente a ogni tentativo di "ingabbiamento" e non si lasciarono stanare dal loro bosco: infatti nessuna delle suddette iniziative riuscì a compiere il passaggio dal numero zero al numero uno (transito che si rivelò più micidiale dello stretto di Gibilterra per i sommergibili italo-tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale): ciò diede grande soddisfazione ai pigri e saccenti roditori (ma molto meno al loro autore, che a un certo punto, al solo sentir accennare a possibili proposte di utilizzo delle sue creature, cominciò a dare inquietanti segni di idrofobia).

 

ISTINTO NATURALE – Questa sorta di “bussola interna” che guida mirabilmente i comportamenti delle più svariate specie animali sembra essere del tutto assente nei ronfi, i quali si comportano da veri e propri “disadattati della natura” e farebbero l’infelicità di Konrad Lorenz, l’insigne studioso fondatore dell’ecologia, smentendo tutte le sue principali teorie.

 

LEGNO DOLCE – E' il cibo preferito dai Ronfi. Non si tratta di banali bastoncini di radici di liquirizia (il "legno dolce" succhiato e masticato durante l'infanzia da generazioni di nostri simili oggi più che maturi), come taluni poco esperti in materia sono portati a ritenere, e come le prime avventure dei Ronfi potevano far supporre, bensì di una sostanza solo apparentemente "naturale", in realtà frutto di un intervento a mezzo tra l'alchimia e l'ingegneria genetica, illustrato in due serie di episodi intitolate rispettivamente La grande avventura del legno dolce e Storia dell’erba ronfa. C’è da dire che il procedimento di fabbricazione del legno dolce, a dispetto degli sforzi di Adriano Carnevali volti a svelarlo, rimane finora comunque ancora misterioso, vuoi perché i Ronfi (come i responsabili della Coca-Cola) sono riusciti a serbare gelosamente il segreto della ricetta, vuoi perché il Carnevali, reduce da studi umanistici e abissalmente ignorante quanto a problematiche scientifiche, non ci ha capito nulla, vuoi, infine, perché la scomparsa del mitico Corriere dei Piccoli ha impedito un definitivo chiarimento della faccenda. Il mistero permane e va ad aggiungersi ai grandi enigmi della storia: quelli di Stonehenge, delle piramidi azteche, del Triangolo delle Bermuda, dei cerchi nei campi di grano e dei successi televisivi del Grande Fratello e dell'Isola dei famosi. 

 

LETARGO – E' l'attività preferita dai Ronfi, seguita, in ordine di gradimento da: sonno, dormita, ronfata, sonnellino, pennichella, pisolino, riposino, siesta, dormiveglia. Si può rilevare da ciò come le attività abituali dei Ronfi, a dispetto dei loro detrattori, siano assai numerose e variate.  

 

LUPO – Il lupo nemico dei Ronfi è un animale tutto sommato patetico nei suoi tentativi, invariabilmente frustrati, di trasformare queste bestiole in pietanze: in anni e anni di attività e nonostante un'indubbia genialità, non è ancora riuscito ad assaggiare nemmeno un boccone di Ronfo e, detto in confidenza, è fortemente improbabile che anche in futuro possa riuscirci. Ispira tenerezza, in modo analogo al povero gatto Silvestro costantemente umiliato dall'insopportabile canarino Titti.

 

MINERBI, MARCELLO – E' il direttore del Corriere dei Piccoli che nel 1981 aprì generosamente ai Ronfi le pagine del suo giornale e diede loro anche saggi consigli, tra cui quello di essere meno timidi e mostrarsi meglio nelle vignette (nelle primissime storie le piccole creature quasi sparivano nel paesaggio). I Ronfi gliene sono ancor oggi molto grati e lo ricordano sempre con affetto. 

 

MUTA DEL PELO – Durante la stagione invernale la pelliccia del Ronfo da rossiccia dovrebbe diventare bianca. Il condizionale è d'obbligo in quanto, data la sua confusione mentale e il conseguente disadattamento ambientale, spesso il Ronfo dimentica di effettuare la muta, oppure la compie nel mese sbagliato: non è dunque infrequente incontrare Ronfi rossicci in Febbraio o candidi come neve a Ferragosto.

 

ORSO – A differenza del Lupo e della Volpe, che da bravi predatori vedono nel Ronfo una possibile pietanza succulenta, questo abitatore del bosco è tendenzialmente benevolo nei confronti del piccolo roditore e in più di un'occasione è intervenuto in suo aiuto. Ciò non toglie che talvolta i guai e i disastri combinati dagli incorreggibili Ronfi finiscano per far perdere le staffe anche al paziente plantigrado. 

 

PIER RONFO – E' un Ronfo evoluto inopinatamente dotato di grande intelligenza, saggezza e prontezza di spirito, una sorta di "pecora bianca" in un gregge tutto nero. L'unico altro rappresentante della specie ad avere mostrato doti analoghe risulta essere il Dottor Ronfstein.  

 

 

Voci dalla A alla G

Voci dalla H alla P

Voci dalla Q alla Z

 

 

 

2008 - Sito realizzato da Diego "Douglas" Cossetta